29 novembre, 2007

2

ANNA POLITKOVSKAJA

DIARIO RUSSO 2003-2005
Anna Politkoskaja
Edizione Adelphi


Perchè questo post?


Per onorare, far conoscere a tutti una persona, una donna, una giornalista che scriveva -anche su "Novaya Gazeta"- contro un potere dittatoriale ritornato in Russia! Naturalmente parlo di Anna Politkoskaja, una donna che nonostante le minaccie, le paure "navigava" con la sua piccola barca a remi contro una nave portaerei che è lo stato (Duma) di Putin.




2 ✿。:*gocce di rugiada*。✿*゚:

Fra ha detto...

Anna Politovskaya è una di quelle figure che non verranno mai dimenticate, simbolo, come Antonio Russo, di morti causate da un regime, quello russo (o sovietico???)che non vorrà mai far venire allo scoperto ciò che accade in Cecenia...le tv tacciono, i giornali pure, tutti i partiti anche. L'Italia deve vergognarsi...nessun politico italiano ai funerali in Russia tranne uno...Pannella....grazie Marco.

Se a qualcuno interessano notizie sul conflitto ceceno...
www.radioradicale.it
speciale Antonio Russo.

Kia ha detto...

concordo assolutamente con te...l'odierna russia è in completo sviluppo economico grazie alle riserve di gas naturale e tiene in mano tutta l'europa inoltre visto lo sviluppo dei suoi armamenti è ovvio che una potenza come gli usa non si sognino neppure di "fare un a bella missione di pace"...-cavolo saddam e i suoi armamenti di ditruzione di massa (!)-...detto questo concordo sul sentimento di schifo che provi...perchè lo provo anch'io e...nel frattempo decine di persone spariscono giornalmente nel nulla e centinaia di morti cadono sui territori ceceni...insomma...bello sviluppo di merda ...


      
      
        
      
      
    
      
            
        
          
      
   
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...